Per approfondire

La stazione ieri

La stazione ieri

L’importanza della stazione ferroviaria di Udine deriva dalla favorevole posizione della città - capitale storica del Friuli e snodo naturale dei traffici fra l’Adriatico e le Alpi e fra il Veneto e l’Istria - che nel 1866 viene inglobata nel territorio italiano. Il fabbricato viaggiatori conserva sostanzialmente l’impianto centrale originario del 1860, mentre i corpi laterali sono più recenti. 
Una pensilina in ferro corre lungo il perimetro della facciata, dominata sulla sommità da un orologio. 

Al primo livello, il prospetto è ritmato da finestre con colonnine di affaccio basamentale, decorate con cornici alterne a timpano e ad arco. Ai lati, sono presenti due piccole terrazze di raccordo. Il fabbricato è interessato, nel tempo, da modifiche di carattere funzionale, legate alle diverse esigenze manifestatesi nel corso degli anni.

La stazione oggi

La stazione oggi

La stazione di Udine è stata interessata da interventi di  riqualificazione e valorizzazione realizzati da Centostazioni  e cofinanziati da RFI (Gruppo FS Italiane) con un investimento di circa 1,6 milioni di euro. I lavori conferiscono all’edificio un layout più moderno, restituendo qualità architettonica e maggiore funzionalità agli ambienti. Cresce la superficie dedicata ai servizi e negozi per i clienti, grazie alla creazione, all’interno dell’atrio, di una galleria commerciale simmetrica a quella esistente sul lato est.

La biglietteria, più luminosa e moderna, è collocata nella parte terminale della galleria. Aree per la sosta sono state predisposte  lungo il percorso che porta al bar, dotato di monitor informativi. Il nuovo sistema di illuminazione, interna ed esterna all’edificio, ha consentito di migliorare gli spazi, resi più accoglienti e confortevoli e valorizzare la facciata, esteticamente più curata,  grazie anche a interventi mirati di manutenzione delle strutture e restauro delle persiane e degli infissi. Realizzato un accesso al primo binario per facilitare i percorsi per gli utenti. Adeguati a norma gli impianti tecnologici e realizzati interventi di abbattimento delle barriere architettoniche, con l’installazione di percorsi tattili per non vedenti. Sono previsti, presso il fabbricato, ulteriori interventi di modernizzazione tecnologica e adeguamento, in linea con le esigenze dei clienti.