Per approfondire

La stazione ieri

La stazione ieri

L’impianto originale dell’edificio ferroviario di Savona è progettato e realizzato dall’ingegnere e architetto Pier Luigi Nervi tra il 1958 e il 1962 nel quartiere di Mongrifone, in sostituzione della precedente stazione di Letimbro, nell'ambito del progetto di raddoppio della linea Genova - Ventimiglia. L'inaugurazione dell’edificio avviene nel 1962 alla presenza del Presidente della Repubblica Antonio Segni ed entra in funzione nel 1977. 

La stazione, rialzata rispetto al piano stradale, è articolata su tre livelli: un piano seminterrato con affaccio su Piazza Aldo Moro, un primo piano con l’atrio-biglietteria e un piano superiore destinato alle banchine dei treni che ospita aree per l'attesa e servizi ai viaggiatori. Come tutte le architetture del Nervi, anche quella della stazione di Savona è caratterizzata da elementi strutturali in cemento armato a “vista”. Il fronte lato piazza è seguito in tutta la sua lunghezza da una pensilina in aggetto e scandito da pilastri a sezione orizzontale variabile.

La stazione oggi

La stazione oggi

La stazione di Savona è stata interessata da un importante intervento di restyling realizzato da Centostazioni, cofinanziato da RFI (Gruppo FS Italiane), con un investimento di circa 4 milioni di euro. 4.300 i metri quadrati di superficie valorizzati attraverso il recupero architettonico delle costruzioni storiche e degli elementi strutturali “a vista” in cemento armato. Completata anche la rivisitazione degli interni in chiave moderna. Migliorato il sistema degli accessi grazie all'introduzione dell'ingresso su Piazzale Aldo Moro, semplificati i percorsi di transito verso il grande atrio - biglietteria al piano rialzato, ristrutturato, ampliato e attrezzato con servizi e attività commerciali. 

Completamente rinnovati gli impianti, la pavimentazione, il i rivestimenti, le vetrate e il sistema di illuminazione con l'introduzione di faretti. Inserti color arancio vivacizzano gli interni, in cui gli spazi per la sosta sono riconfigurati simmetricamente nell’area della biglietteria-assistenza clienti e della ristorazione. Realizzata, sul fronte principale della stazione, una terrazza con affaccio sulla piazza. Non meno rilevante il rinnovo degli impianti tecnologici e il progressivo abbattimento delle barriere architettoniche e sensoriali, con l’inserimento di ascensori di collegamento tra il piano città e quello rialzato e il rifacimento dei servizi igienici pubblici nell’ala destra dell’atrio, resi accessibili a tutti. Sono previsti, presso il fabbricato, ulteriori interventi di modernizzazione tecnologica e adeguamento in linea con le esigenze dei clienti.