Per approfondire

La stazione ieri

La stazione ieri

La stazione ferroviaria di Brescia, probabilmente progettata nel suo layout originario dall'ingegnere Benedetto Foix, entra in esercizio nel 1854, in concomitanza con l’attivazione della tratta Coccaglio - Verona della ferrovia Milano - Venezia, al tempo in fase di realizzazione.
Raro esempio di edificio ferroviario ottocentesco, con impianto in stile neoclassico, la stazione appartiene al filone “neo-romanico-medievale”, per l’evidente ispirazione ai castelli dei secoli XII e XIII.
E’ caratterizzata da un atrio di forma ovale, con soffitto sorretto da quattro colonne a capitelli in stile corinzio che presentano, tra le foglie, le ruote alate simbolo delle Ferrovie.

Nel 1878, in occasione dell’arrivo del Re Umberto I, la tettoia in legno viene sostituita con una grande volta a botte in ferro e vetro, smantellata in epoca fascista per esigenza di utilizzo dei materiali a fini militari. Nel 1932, vengono realizzati lavori di manutenzione e pulitura degli intonaci, sostituzione delle lamiere della tettoia, rifacimento parziale dell’esedra d’ingresso e della volta, arricchita di stucchi ornamentali e di un nuovo sistema di illuminazione.
I Bombardamenti che tra il 1944 e il ‘45 devastano la zona della stazione rendono necessario ricostruire e ampliare l’edificio, oggetto di un nuovo intervento di ristrutturazione nel 1967, sotto la tutela della Soprintendenza ai Beni Culturali.

La stazione oggi

La stazione oggi

La stazione di Brescia è stata interessata da lavori di riqualificazione realizzati da Centostazioni con un investimento di 2,3 milioni di euro, cofinanziati da RFI (Gruppo FS Italiane). 
Particolare cura è stata dedicata alla scelta dei materiali e delle rifiniture, così come al sistema di illuminazione, perfettamente integrato con il layout architettonico.
In linea con il progetto originale, sono stati ripristinati, in corrispondenza delle due torri della facciata, gli accessi laterali e chiusi i portici preesistenti, al fine di creare una maggiore fruibilità della stazione dalle diverse zone della città. 

Gli spazi interni, in particolar modo al piano terra, sono stati ridisegnati in modo da accogliere nuove attività commerciali in linea con le esigenze di clienti e viaggiatori.
L’atrio, oggi più accogliente e confortevole, è stato ristrutturato e ampliato grazie allo spostamento della biglietteria e del rinnovato punto di assistenza. Completano il quadro opere di adeguamento degli impianti tecnologici e di progressivo superamento delle barriere architettoniche e sensoriali.