Per approfondire

La stazione ieri

La stazione ieri Il progetto di realizzazione della stazione ferroviaria di Como San Giovanni, risalente alla metà degli anni ’30, porta la firma dell’architetto-ingegnere Paolo Perilli, del Servizio Lavori del Ministero delle Comunicazioni. 
L’esigenza di realizzare una nuova stazione ferroviaria per la città diviene evidente nel 1939, quando viene demolito il vecchio edificio risalente al 1875 per far posto a una nuova costruzione che però potrà essere realizzata solo nel Secondo Dopoguerra, tra il 1947 e il 1949. Il progetto del Perilli, rimasto sostanzialmente valido fino ai giorni nostri, vede un corpo di fabbrica lungo 132 metri, alto oltre 10 metri e largo 17 metri, con un grande salone d’ingresso di circa 600 metri quadrati, che accoglie sportelli di biglietteria, ufficio informazioni, ristorante ed è collegato direttamente alle due scale di comunicazione con il sottopassaggio.

La stazione oggi

La stazione oggi

La stazione di Como San Giovanni è stata recentemente interessata da lavori di adeguamento realizzati da Centostazioni, cofinanziati da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), che hanno reso l’edificio più  funzionale, recuperandone la struttura architettonica originaria. Realizzati interventi di rifinitura e manutenzione delle strutture; adeguati gli impianti tecnologici; inserito un più idoneo impianto di illuminazione interna ed esterna. 

Sono state avviate, inoltre, opere per il progressivo abbattimento delle barriere architettoniche: dall'installazione di percorsi e mappe tattili per utenti non vedenti, al rifacimento dei servizi igienici secondo il concept dell’accessibilità indifferenziata per tutti. Sono previste ulteriori opere di miglioramento infrastrutturale per rendere la stazione sempre più in linea con le esigenze dei clienti.